Come affrontare l’amore ai tempi dei nonni

Riuscire a trovare l’amore alla terza età non è sicuramente una cosa semplice. Incontrare la persona più giusta, allargare le proprie conoscenze, buttarsi con felicità in una nuova storia superata la boa dei 60 anni richiede una certa dose di coraggio. Se poi, finalmente, nonostante tutte le difficoltà si riesce a raggiungere questo obiettivo, sorge un altro problema molto complesso. Come comunicare questa notizia a figli e nipoti e soprattutto come presentare il nuovo partner in famiglia? Ecco qualche consiglio utile.

Come comunicare ai figli e ai nipoti la presenza di un nuovo partner

Una delle cose più difficili può essere quella di comunicare a tutta la famiglia che si ha una nuova relazione. Il problema infatti può essere quello di incontrare l’opposizione dei figli che temono il raggiro del nonno oppure non riescono ad accettare una nuova persona accanto al proprio genitore. Va sempre ricordato, però, che anche a 70 anni si è padroni della propria vita e si deve essere liberi di fare quello che si desidera.

Per salvaguardare la tranquillità familiare, però, è importante dare gradatamente le informazioni alla propria famiglia, magari dando ai figli la possibilità di abituarsi all’idea. L’ideale sarebbe rendere partecipi i figli di tutte le fasi della conoscenza, così da avere il loro supporto e anche un aiuto pratico, ma non sempre è possibile. Comunicare con dolcezza la notizia e far percepire ai figli la propria felicità sono i segreti del successo.

Come presentare il nuovo partner in famiglia

Se è stato possibile rendere i familiari partecipi della nascita della nuova relazione, non dovrebbe essere difficile riuscire a presentare il nuovo partner in famiglia. Se, però, la notizia li coglie di sorpresa, meglio cercare un’occasione poco formale per le presentazioni. Potrebbe andare bene un caffè o, magari, cercare un’occasione casuale per far incontrare i figli con il partner. Se la famiglia è molto numerosa, potrebbe essere meglio evitare un incontro tutti insieme e magari preferire occasioni informali con piccoli gruppi, anche per non mettere il nuovo partner in una condizioni di soggezione e di imbarazzo.

L’inserimento graduale del partner nella nuova famiglia è la scelta migliore perché permette a tutti di abituarsi, giorno dopo giorno, alla nuova situazione senza creare traumi in nessuno. Importante ricordare sempre che si tratta di una situazione particolare e fuori dagli schemi classici e convenzionali, quindi c’è bisogno di tempo per metabolizzare la notizia. Strano e inusuale, però, non vuol dire sbagliato quindi mai lasciarsi intimorire o convincere i figli ad abbandonare questa nuova relazione, se davvero rende felici.

Come affrontare la nuova relazione del nonno o della nonna

Se da un lato c’è la difficoltà dei nonni di comunicare la nuova relazione alla propria famiglia, dall’altro lato c’è anche l’imbarazzo dei figli di accettare la storia dei nonni. Anche in questo caso il buon senso deve guidare qualunque azione e ogni scelta. Bisogna predisporsi con animo positivo a questa novità, ascoltare ciò che i nonni raccontano e soprattutto accettare il fatto che l’età non influisce sulla voglia di amare e di avere una persona vicino anche nella terza età.

Magari può essere valido il consiglio dato nel capitolo precedente, ossia affrontare questo nuovo evento con gradualità, così da abituarsi senza troppi scossoni a questa nuova condizione. Inoltre bisogna sempre cercare i lati positivi. Una persona accanto al nonno o alla nonna vuol dire avere meno preoccupazioni perché l’anziano non sarà più solo ma ci sarà sempre qualcuno a tenergli compagnia e a prendersene cura, soprattutto con il passare inevitabile degli anni.

Vivere felicemente una nuova vita dopo i 60 anni

Vivere felicemente dopo i 60 anni è un diritto al quale nessuno dovrebbe rinunciare. Ormai l’età media e le aspettative di vita si sono allungate e i 70 anni sono i cinquanta di soli 20 anni fa. Per questo motivo non si deve mai rinunciare alla possibilità di vivere felice e di trovare l’amore anche se la data di nascita non è recente. Va fatto uno sforzo comune per riuscire, con l’aiuto di tutti i membri della famiglia, ad accettare questa nuova realtà che sarà sempre più frequente.

Per una volta, allora, i figli devono mettere da parte dubbi ed egoismi e aiutare con il proprio appoggio i nonni di casa che vogliono vivere felicemente le ultime fasi della loro vita. In questo modo potranno beneficiare di un nuovo clima familiare, più gioioso ed allegro, tutti i membri della famiglia che si potranno arricchire di un elemento in più, con il suo bagaglio di storie e di racconti che saranno motivo di interesse per tutti, indipendentemente dall’età e dai legami di sangue.